Mauro Paparella, nasce a Benevento 

nel 1962.
Si trasferisce in giovane età a Sapri, 
cittadina campana situata sulla costa 
del Cilento da dove fin da piccolo inizia 
a coltivare la sua passione per l'arte. 
Vive l’adolescenza e la gioventù in modo 
turbolento ed avventuroso sviluppand

una personalità sensibile e creativa.
La lontananza da grossi centri e le 
vicissitudini del periodo giovanile gli 
impediscono di formarsi presso 
un’accademia ma questo non gli preclude gli studi della materia che intraprende da autodidatta sperimentando diverse tecniche pittoriche e artistiche in genere
.

Dai primi anni 80 e per circa un ventennio l’artista produce centinaia di opere di cui la maggior parte catalogabili come sperimentali.

Quasi tutti questi suoi primi dipinti sono stati distrutti o donati a causa di una sua profonda insoddisfazione legata ad una severa autocritica volta alla ricerca di una non meglio definita caratterizzazione 
artistica che tardava a consolidarsi in quel 

periodo.

La caparbietà nello sperimentare soluzioni sempre più audaci alla fine però hanno premiato Mauro Paparella che terminati gli studi sui colori ha potuto finalmente dare vita ad un proprio particolare stile proposto finalmente senza turbamenti ed esitazioni ad un pubblico più vasto. 
Davvero particolare risulta essere la genesi delle sue opere che vengono concepite 
durante la notte costringendo l’artista a 
lunghe veglie nella costante ricerca del 
particolare da riprodurre il mattino dopo su tela.